Questa città, che ho visitato diverse volte anche con la famiglia, è una delle più importanti d’Italia per il fascino che l’arte e la storia vi hanno profuso.

Ricordo la piazza San Giovanni che circonda il battistero a pianta ottagonale ove ho ammirato la bellezza dei suoi marmi e mosaici; il duomo Santa Maria del Fiore col campanile di Giotto, l’interno dove ho visto l’opera incompiuta della Pietà di Michelangelo; la bella piazza della Signoria con la loggia, le antiche costruzioni e la fontana, il Palazzo Vecchio, la galleria degli Uffizi dove rimasi affascinato dai capolavori che contiene; il caratteristico Ponte Vecchio con le sue botteghe, il bel giardino di Boboli, la chiesa di Santa Maria Novella che si trova in una delle più belle piazze di Firenze all’interno della quale si trova il crocifisso di bronzo del Gianbologna.

Andai anche alla galleria dell’Accademia che raccoglie le sculture di Michelangelo, compreso il David.

Dopo aver visitato i musei, le magnifiche chiese e le opere d’arte di cui Firenze è ricca, non si può stare senza andare a piazzale Michelangelo, da cui si gode una incomparabile veduta del panorama della città. Il piazzale Michelangelo costituisce il punto più suggestivo della passeggiata del viale dei Colli. Al centro del piazzale vi è un monumento dedicato a Michelangelo con una riproduzione del David che ha alla base quattro statue. Ho visitato anche la chiesa di San Miniato anch’essa molto bella.

In questa città sono ritornato parecchie volte perché, essendoci la direzione generale del Servizio delle Ferrovie dello Stato, ci sono andato per servizio, ma molto più per ammirare i suoi capolavori. Sono tornato anche con mia moglie.

Annunci